Cari Lettori, care lettrici….
Quante volte sedendomi di fronte ad un foglio bianco, cercando tra le domande che più spesso mi rivolgete, ho deciso di affrontare argomenti più o meno tecnici per spiegare i processi di costruzione dei vostri sorrisi, e quante volte non mi sono reso conto di non aver mai parlato di ciò che veramente mi spinge a fare questo mestiere con tanta dedizione, dedicando a questa mia missione la maggior parte del tempo che ogni giorno mi viene concesso dalla Provvidenza… esatto Provvidenza. Utilizzo questa espressione dantesca che mi è tanto a cuore perché realmente credo nell’importanza del valore tempo.

Oggi decido, qui, sul mio personale blog, di mettermi a nudo, e raccontarvi quale sia la mia missione: così forse, riusciremo ad abbattere la barriera della non conoscenza reciproca, e a creare un vero flusso a doppio senso, come piace a me!
Come dicevo all’inizio, credo fortemente che la ricchezza più enorme che ognuno di noi ha a disposizione sia il Tempo: tempo da dedicare alle persone che amiamo, tempo da dedicare alle cose che amiamo fare, tempo per godere appieno di ciò che la vita ci ha donato, o ciò che ci siamo costruiti, con sacrificio ed impegno. In questi mesi così cupi di pandemia tutti noi siamo piombati (chi più e chi meno) in uno stato di immobilità profonda. Siamo stati privati di ciò che rende l’essere umano tale: un animale sociale, senza socialità. E’ difficile passare il tempo dietro le nostre mascherine, respirando affannosamente la nostra stessa aria, a volte sorridendo, ma senza poter consegnare questo nostro sorriso al destinatario, all’interlocutore che abbiamo di fronte.

Eppure, cari amici, ricordiamo che esiste una legge universale, che governa le cose, ed è sempre la stessa: il tempo. Il tempo scorre, inesorabile, qualsiasi cosa succeda, e se non siamo in grado di tenerci saldi a questa nostra preziosa umanità, rischiamo di perderla per sempre. Ecco perché oggi, come non mai, è fondamentale sorridere. Ritrovare il tempo di gioire delle piccole cose che ancora ci tengono saldi all’amore per questa vita, e continuare a sorridere a chi ci è seduto di fronte, in metropolitana, ad un caffè, ai nostri affetti più cari.
Se può sembrare un gesto semplice e spontaneo, talmente semplice che spesso non ne afferriamo la grande potenza, in realtà non lo è: ho sempre saputo che sorridere costituisce in realtà una pura libertà espressiva. Sorridendo intendiamo comunicare amore al nostro partner, ai nostri figli, il sorriso di un nonno verso il proprio nipote è il messaggio più tenero che esista. Vi vedo, voi, lettori più giovani, che utilizzate il vostro sorriso come arma di seduzione. Il sorriso comunica vicinanza ad un amico, sostegno a chi è in difficoltà, a volte un sorriso può anche essere minaccioso, se sornione arriva da un datore di lavoro ad un dipendete non esattamente esemplare. Il sorriso è la prima forma di comunicazione non verbale per potenza ed immediatezza.

Adesso immaginate di voler sorridere, per comunicare qualcosa al vostro interlocutore: immaginate di essere ad un colloquio di lavoro, ad un primo appuntamento, o semplicemente in compagnia di amici. Immaginate di non sentirvi sicuri del vostro sorriso, di sapere di un disallineamento dei denti, o di aver bevuto troppi caffè, o di non poter sfoggiare un bianco sano e attraente. La domanda è: sareste capaci di sorridere senza trattenervi, per nascondere un difetto estetico? E ancora, vi sentireste sicuri di voi stessi, a vostro agio con il prossimo?

Ecco cari amici, è proprio questo il motivo per cui scelgo ogni mattina di fare la differenza nei miei studi.
All’inizio di questa lettera ho parlato di Provvidenza, un concetto espresso dal Poeta Dante Alighieri nella sua opera più celebre, la Divina Commedia. C’è un’altro aspetto che viene espresso in questo capolavoro della letteratura che amo, ed è quello del Libero Arbitrio.
Ad ogni essere umano, seppur inserito in un meccanismo gestito da forze cosmiche o divine superiori, è stato fatto un dono: la possibilità di scegliere. Noi tutti possiamo scegliere come vivere, e le scelte che facciamo ogni giorno sono quelle che definiscono la persona che vogliamo essere. Io ho scelto, e scelgo ogni giorno, di fare la differenza nel mio settore, e di essere la versione migliore di me, per me e per i miei pazienti. Ed ho deciso di dare a voi, attraverso le mie competenze e la mia esperienza, la possibilità di scegliere: scegliere di sorridere, sentirvi sicuri di voi stessi in ogni circostanza, scegliere di godere di ogni piccola grande gioia che la viltà ci riserva.
Ecco perché è nato il programma White Identity: all’interno dei miei studi potrete scegliere insieme al me ed al mio team, il percorso di riabilitazione del sorriso che più fa per voi, in termini di costi, tempi e necessità. White identity nasce per restituirvi, cari amici, la potenza della comunicazione.

Questo perché negli anni ho trovato la vera costante che mi porta ad andare avanti nel mio mestiere, a tenermi sempre aggiornato, e ad offrirvi sempre il meglio: io amo vedervi sorridere. E ciò che voglio veramente e fortemente è rendere questa possibilità realmente democratica.
E adesso già lo so, i più critici di voi staranno già pensando che un trattamento esteticamente riabilitativo possa avere costi esorbitanti, non accessibili e riservati a ristrette cerchie di persone. Perdonatemi se con sfacciataggine vi dico che non è sempre così. Innanzitutto, ogni caso è diverso, ed ogni situazione richiede attenzioni ed interventi differenti. E’ anche per questo che non parlo mai di costi telefonicamente o sui social. Potreste venire da me con l’idea di voler rendere più “vostro” il vostro sorriso, e scoprire con piacere che basta poco per ottenere ciò che avete sempre desiderato. O potrebbero venir fuori una serie di cause concatenate tra di loro che non minacciano solo il lato estetico, ma potrebbero intaccare la vostra salute, se non è già successo. In ogni caso, garantisco io, varrebbe la pena approfondire e prendersi cura della macchina perfetta che la provvidenza ci ha dato, e (sempre per dirla con Dante) scegliere finalmente di regalarsi una gioia libera e sana.
Perché se c’è una cosa che forse nessuno vi dice, e che con il tempo ho imparato ad amare, è che sorridere non è solo un diritto: sorridere è un dovere.

Sorridere è per tutti.

Arriverà presto il giorno in cui potremo di nuovo sorridere ad un passante senza intrappolare la nostra espressione dietro la mascherina, utilizzare questa potente arma come alleato di seduzione, o trasmettere con un gesto tutto il nostro amore alle persone che più amiamo. Arriverà presto, e dovremo essere pronti.

Parola di Doctor White.

Con affetto e gratitudine
Il Vostro Emanuele Puzzilli