Sorriso e comunicazione non verbale, il segreto del successo nella vita privata e sul lavoro 

Ormai da diversi anni, la comunicazione non verbale è al centro di studi psicologici di varia natura, che ne raccontano gli evidenti impatti in molti aspetti della vita: dalle relazioni interpersonali ai colloqui di lavoro. Il sorriso fa parte del gioco. Anzi, ricopre un ruolo fondamentale, visto il suo stretto legame con l’autostima. Chi sorride risulta più sicuro e affidabile e può avere una carta in più da giocarsi, oltre le parole e i gesti.

Avere una bocca sana è soprattutto una questione di benessere fisico, questo è certo. Ma è altrettanto insindacabile che un bel sorriso rilevi per la sua dimensione estetica e rappresenti una carta in più nelle relazioni sociali di qualsiasi tipo. D’altronde, il sorriso fa parte del viso, il biglietto da visita con cui ognuno si presenta, probabilmente la parte più “esposta” del nostro corpo. Prendersi cura della propria bocca e della propria dentatura, quindi, significa avere a cuore la qualità della propria vita, sia dal punto di vista fisico che psicologico.

Un sorriso per l’autostima 

Il sorriso, infatti, è uno straordinario motore per l’autostima. Viceversa, vergognarsi dei propri denti porta ad atteggiamenti di chiusura e di insicurezza. Spesso la molla che spinge a recarsi dal proprio dentista per richiedere un intervento di odontoiatria estetica è proprio la volontà di superare queste difficoltà, di tornare a sorridere e non continuare a “nascondersi”. Fortunatamente, negli anni, l’estetica dentale ha fatto passi da gigante e oggi permette di risolvere praticamente qualsiasi difetto di bocca e denti. La bellezza di un sorriso si valuta sulla base di tre fattori: forma e proporzione dei denti, la loro posizione e il loro colore. Sulla forma e sulle proporzioni, ad esempio, si può intervenire agevolmente con le faccette dentali. Per la posizione, invece, ci sono tutti i rimedi di ortodonzia, ormai più che discreti: apparecchi linguali e apparecchi trasparenti. Infine, per il colore, c’è la possibilità di procedere a periodici sbiancamenti oppure di intervenire in modo più strutturale sempre con le faccette. Non si tratta di stravolgersi, si tratta di migliorarsi.

Sorriso e affidabilità

Una volta conquistato il sorriso desiderato, si guarda a sé stessi con occhi diversi e si diventa più sicuri verso l’esterno. Questa modifica della percezione che si ha di sé porta, come naturale conseguenza, anche a un cambiamento dello “sguardo” degli altri. È stato provato attraverso vari studi: una persona che sorride in maniera naturale e spontanea, senza forzatura, trasmette una sensazione di competenza e affidabilità. Caratteristiche che possono trasformarsi in un vantaggio nelle relazioni con le persone, anche a carattere lavorativo. Basta pensare a quanto è importante infondere fiducia per chi svolge un’attività a contatto con il pubblico, magari perché opera nel commercio.

Il valore del sorriso in un colloquio di lavoro

Rimanendo nell’ambito professionale, è innegabile che uno degli ambiti maggiormente studiati da chi si occupa di comunicazione non verbale è quello dei colloqui di lavoro. Il candidato che si presenta davanti a un selezionatore sa che trasmetterà molto più di ciò che dirà con la voce. Secondo alcuni studi, più del 50% della riuscita positiva di un colloquio si gioca al di fuori delle parole. A parlare, infatti, sarà anche tutto il suo corpo: mani, postura, occhi e, ovviamente, la bocca. Ecco perché bisogna imparare a gestire bene il proprio sorriso, per non correre il rischio di tradire emozioni opposte a quelle con consentono di fare bella figura, come superficialità o nervosismo.