Denti consumati, cause e possibili rimedi per “ricostruirli”

I denti consumati rovinano l’estetica della bocca ma anche la salute. Per questo è importante conoscere le cause che provocano la consumazione dei denti e intervenire tempestivamente contro erosione e abrasione. Per ricostruire un dente consumato, le faccette dentali rappresentano ormai la soluzione più diffusa, perché consentono di ripristinare un sorriso perfetto ed efficiente. Nei casi più gravi, invece, si può ricorrere all’incapsulamento.

Denti consumati, un problema estetico e di salute

Durante il corso della vita, i denti di un individuo tendono a consumarsi, con una riduzione dello smalto, cioè lo strato duro più esterno. Avere una dentatura leggermente consumata, quindi, è fisiologico. L’importante è che non si superi una soglia di attenzione, altrimenti un piccolo difetto può diventare causa di problemi estetici e di salute. Quando si supera questa soglia, si parla prorpiamenti di denti consumati ed è necessario intervenire con una sorta di ricostruzione. Bellezza del sorriso ed efficacia della masticazione, infatti, risentono di tale processo di consumazione.

I denti consumati sono più fragili, sensibili agli sbalzi di temperatura, maggiormente inclini alle fratture a all’attacco delle carie. E sono anche brutti da vedere, piccoli, sottili, spesso ingialliti, in casi estremi trasparenti sui bordi. Per non parlare delle conseguenze negative sulla chiusura della bocca che possono ripercuotersi su tutto il corpo, come nel caso delle connessioni tra malocclusioni e problemi di postura, mal di schiena, mal di testa, disturbi alle orecchie e alla vista.

Ecco perché è bene non sottovalutare i problemi che nascono dall’avere denti consumati e prendere le dovute contromisure. La prima cosa da fare, però, è capire le cause di questo difetto, perché solo così si possono identificare rimedi e terapie adeguati.

Le cause dei denti consumati: abrasione ed erosione

Le cause dei denti consumati possono essere raggruppate in due grandi categorie: erosione ed abrasione.

L’erosione dentale

L’erosione dentale si ha quando lo smalto viene deteriorato dall’azione di sostanze acide. Questo può accadere sia per problemi di alimentazione che per disturbi all’apparato gastrointestinale. È sconsigliata, ad esempio, l’assunzione frequente di particolari tipi di frutti (come limoni e arance) o bevande. Per quanto riguarda le condizioni patologiche, invece, quelle più direttamente collegate ai denti consumati sono il reflusso gastroesofageo o il vomito.

Scopri di più sui cibi che fanno male ai denti

L’abrasione dentale e il bruxismo

Diverso il discorso per l’abrasione dentale, che ha cause meccaniche, cioè legate allo sfregamento fra le arcate dentarie. È il caso, ad esempio, del bruxismo, la tendenza a digrignare involontariamente i denti, di notte o di giorno. Ma è anche il caso di uno spazzolamento eccessivo della dentatura, oppure dell’uso di dentifrici abrasivi o di rimedi sbiancanti fai da te. Infine, rientrano in questo gruppo, anche i casi di denti consumati perché entrati in contatto con alimenti abrasivi.

L’importanza di affidarsi a uno sbiancamento denti professionale

La ricostruzione dei denti consumati: incapsulamento e faccette estetiche

Di fronte ad un paziente con denti consumati, l’odontoiatra ha molteplici possibilità di intervento. Per scegliere la migliore, però, è necessario valutare una pluralità di fattori: livello di deterioramento, cause, salute orale complessiva.

La cosa migliore è iniziare con un intervento che vada a rimuovere le ragioni dell’abrasione o dell’erosione. Questo significa intervenire sull’alimentazione (nei casi di consumo eccessivo di cibi o bevande acide), sul modo di lavarsi i denti (ecco come farlo correttamente) o sulle cattive abitudini, volontarie o involontarie (come il bruxismo).

Una volta rimosse le cause, si può pensare a lavorare per eliminare i danni già fatti. Qui le strade percorribili sono due: le faccette dentali o l’incapsulamento.

Le capsule dentali

La soluzione dell’incapsulamento è quella che viene adottata nei casi di danneggiamento profondo. L’applicazione delle capsule consente comunque di salvare il dente ed evitare l’estrazione. Il risultato estetico è pressoché impeccabile, visto che oramai questi elementi vengono realizzati con materiali che consentono di imitare perfettamente la forma e il colore dei denti naturali.

Leggi di più sulle capsule dentali

Le faccette dentali estetiche

Se il livello di deterioramento non è ancora arrivato ad un punto critico, invece, i denti consumati possono essere trattati con le faccette dentali estetiche. Applicate sulla superficie dentale, le faccette consentono di recuperarne la forma originaria, con un risultato perfetto sia dal punto di vista estetico che da quello funzionale.

Leggi di più sulle faccette dentali estetiche


caduta dentini

Il calendario della dentizione dei bambini, quando spuntano e quando cadono i denti da latte 

Conoscere il calendario della dentizione dei bambini è molto importante. Sapere quando spuntano e quando cadono i dentini, infatti, serve ai genitori per monitorare il corretto sviluppo del sorriso dei figli e, se necessario, intervenire subito per correggere delle anomalie con l'ortodonzia intercettiva. I denti da latte cominciano a farsi vedere intorno al sesto mese di vita e finiscono verso i 3 anni. La loro caduta, invece, avviene di solito tra i 6 e i 12 anni.

Quando si diventa genitori si tende a sviluppare un atteggiamento un po’ apprensivo, soprattutto per il primo figlio. È normale, fa parte del gioco. Uno degli aspetti che più preoccupano mamma e papà è senza dubbio quello della dentizione. Quando i denti da latte spuntano, infatti, portano con sé un po’ di dolore per il bambino, con annessi pianti e notti insonni. Ecco che allora molti genitori desiderano conoscere bene il calendario della dentizione da latte, per monitorare lo sviluppo di loro figlio e verificare che tutto proceda bene. Quali sono i primi dentini a comparire? Quando cominciano ad uscire? Quando, invece, a cadere? Anche perché, se si capisce in tempo che qualcosa non va (ed esempio, denti storti a causa del palato stretto), si può intervenire con l'ortodonzia precoce.

Il dentista dei bambini | Scopri di più

Quando spuntano i denti da latte e quanti sono 

La dentatura decidua (cioè i cosiddetti denti da latte) non è ampia come quella definitiva. I dentini, infatti, sono solo 20, mentre un sorriso completo da adulto ne contiene ben 32. Questi 20 denti da latte impiegano circa 2 anni per spuntare completamente. Vediamo con che tempi e in che ordine.

Tra i 6 e i 10 mesi si affacciano gli incisivi centrali inferiori, seguiti a ruota da quelli superiori (8-12 mesi). Quasi contemporaneamente spuntano anche gli incisivi laterali: prima i superiori (9-13 mesi) poi gli inferiori (10-16 mesi). A seguire, è la volta dei primi molari, sia superiori che inferiori, tra i 13 e i 19 mesi. Invece, tra i 16 e i 23 mesi tocca ai canini, sia sopra che sotto. Gli ultimi ad arrivare, infine, sono i secondi molari, che si fanno vedere tra i 24 e i 33 mesi. 

Lo schema dei denti da latte: quando spuntano

calendario denti bambini
I primi dentini a spuntare sono gli incisivi centrali inferiori (3-6 mesi), gli ultimi sono i molari, sia superiori che inferiori (dopo i 2 anni)

Quando cadono i denti da latte 

Veniamo ora all'altra domanda: quando cadono i denti da latte? Quesito che potrebbe anche essere ribaltato in : quando spuntano i denti definitivi? Diciamo che l’ordine di “arrivo” dei denti da latte corrisponde più o meno anche a quello della loro caduta. Generalmente, i bambini iniziano a perdere la dentatura decidua intorno ai 6 anni. Le prime “finestrelle” ad aprirsi nel sorriso sono quelle corrispondenti agli incisivi centrali, sia superiori che inferiori, che cadono più o meno tra i 6 e i 7 anni. Subito dopo, tra i 7 e gli 8 anni, si perdono gli incisivi laterali superiori e quelli inferiori. Infine, tra i 9 e i 12 anni, è la volta dei molari (primi e secondi) e dei canini.

Denti e Bambini | Leggi tutti gli approfondimenti

Lo schema della caduta dei dentini da latte e della loro sostituzione con i enti definitivi

Quando cadono i denti da latte
I primi denti definitivi a comparire sono gli incisivi centrali inferiori (7 anni), gli ultimi sono i molari, sia superiori che inferiori (tra i 17 e i 20 anni).


Comparsa e caduta dei denti dei bambini: le risposte alle domande più frequenti 

Per fare ulteriormente chiarezza, ecco un piccolo compendio dedicato ai denti dei bambini, per rispondere alle domande più frequenti che i genitori cercano online.

Quando spuntano i denti da latte? I primi arrivano intorno ai 6 mesi.

Quali sono i primi dentini che spuntano? Gli incisivi centrali inferiori.

Quando escono i molari ai bambini? I primi tra i 9 e i 12 mesi, i secondi tra i 24 e i 33 mesi.

Quanti denti compongono la dentizione decidua? 20.

Quando cadono i denti ai bambini? Iniziano a cadere intorno ai 6 anni, per finire verso i 12.

Quanti denti ha un bambino di due anni? Generalmente 16, gli mancano solo i secondi molari.

Quali sono i denti da latte? Incisivi centrali, incisivi laterali, canini, primi molari e secondi molari.


denti neonati

Denti dei neonati in ritardo? Ecco cosa fare

Se i denti di un neonato spuntano in ritardo non bisogna allarmarsi. Può succedere che, compiuto il primo anno di vita, al bambino non siano ancora usciti i dentini da latte. Molto spesso questi ritardi non significano nulla di grave e il bimbo svilupperà presto la dentizione decidua. Tuttavia, è importante sapere che questo può comportare alcune problematiche, relative non solo all’alimentazione del bambino, ma anche allo sviluppo della sua dentizione permanente.

Quando spuntano i denti da latte nei neonati 

Per mamma e papà, i primi anni di vita del neonato sono sempre un’avventura piena di novità. D’altronde, si diventa genitori accompagnando i propri figli nelle varie tappe della vita. L’apparizione dei primi dentini è senza dubbio uno dei momenti che un genitore non scorda mai. Anche perché con i primi dentini arriva pure un po’ di dolore e fastidio per il bambino. Il neonato potrebbe passare così qualche giorno piangendo e qualche notte insonne. Non c’è da spaventarsi, è normale e fa parte del bellissimo gioco che è crescere. Ma quando arrivano i primi dentini?

quando spuntano i denti dei neonati
Uno schema semplice e intuitivo per caprie quando spuntano i denti dei neonati.

Iniziamo col dire che la dentizione decidua (ovvero quella da latte) è meno ampia di quella definitiva: i dentini del bambino sono solamente venti, mentre un sorriso adulto è composto da ben trentadue denti. Inoltre, è importante sapere che non c’è un momento preciso per l’apparizione dei primi denti. I genitori si accorgono che sta per spuntare un dentino per i sintomi.  Si notano rossore e gonfiore sulle gengive, oltre a qualche piccola ferita proprio nel punto in cui spunterà il dente. Solitamente questo avviene attorno ai sei mesi di età; i primi dentini a uscire molto spesso sono gli incisivi centrali.  Come spiegato, ogni bambino sviluppa comunque la dentatura con tempistiche diverse e non bisogna allarmarsi se, passato il sesto mese, ancora non è spuntato alcun dente.

Il calendario della dentizione nei bambini

La situazione cambia se dopo il primo anno la situazione resta invariata. In questo caso, allora è consigliato realizzare una visita dal dentista per tenere d’occhio la situazione. Fermo restando, comunque, che i casi di agenesia, ovvero l’assenza congenita di uno o più denti, è una malattia piuttosto rara. Invece, molto probabilmente il ritardo potrebbe essere dovuto a una situazione di ereditarietà. Infatti, se un genitore ha sviluppato in ritardo la dentizione decidua, molto spesso anche il figlio vedrà uscire i dentini da latte con ritardo.

La febbre e i dentini nei bambini, c’è un collegamento?

Quando i denti spuntano in ritardo 

Compiuto il primo anno di vita, una visita odontoiatrica è comunque importante perché permette di esaminare come procede lo sviluppo dei denti del bambino. Pur non essendo grave, un ritardo nell’apparizione dei dentini da latte potrebbe infatti comportare qualche problema e fastidio. In primis, perché nutrire un bambino che non ha i denti è sicuramente molto più complicato. Per un genitore questo vuol dire tagliare il cibo a pezzettini, fare minestrine e frullati per facilitare i pasti del neonato. L’amore, la cura e una particolare attenzione dei genitori permette quindi ai neonati di nutrirsi anche masticando con le gengive, in attesa dell’arrivo dei dentini da latte.

C’è però anche un altro aspetto da non sottovalutare. Oltre alla funzione masticatoria per l’alimentazione, la dentizione decidua è importante per dare una forma a quella che sarà la dentizione permanente, a partire dai sei anni di età. Un notevole ritardo nell’apparizione dei dentini da latte potrebbe perciò influire in maniera negativa nello sviluppo dei denti permanenti, con diverse possibili complicazioni.

Le complicazioni più comuni 

Le più complicazioni più frequenti sono per lo più dovute alla conseguente perdita tardiva dei denti da latte. Infatti, se la radice di questi blocca lo sviluppo del dente permanente che spunta sotto, quest’ultimo rischia seriamente di crescere con un posizionamento sbagliato. Inoltre, in alcuni casi potrebbe anche verificarsi che il dente permanente spunti senza che quello da latte sia ancora caduto. In questi casi si presenta una situazione alquanto particolare, ovvero una doppia fila di denti. Per quanto possa fare impressione, molto spesso il problema si risolve comunque nel giro di pochi giorni con l’imminente caduta del dente da latte.

L’intervento del dentista 

Nel caso in cui la tardiva perdita dei dentini da latte provochi complicazioni per lo sviluppo della dentizione permanente, può essere determinante l’intervento di un dentista, il quale deve prima di tutto eseguire un’accurata diagnosi. Una volta individuata la causa del problema e considerata la gravità della situazione, allora il dentista può decidere se e come intervenire. Molto spesso, si opta per l’applicazione di un apparecchio ortodontico finalizzato specificamente a indirizzare e raddrizzare la crescita dei denti. È molto raro, invece, che si decida di procedere con un’estrazione selettiva dei denti da latte per assicurare una crescita adeguata dei denti. In ogni caso, spetta al dentista stabilire (a seconda della specifica situazione) la terapia migliore per garantire il benessere orale del bambino


Posizionamento del bite per denti

Bite per denti: a cosa serve e quando si mette

Il bite per denti serve a risolvere numerosi problemi legati a difetti della dentatura e del morso, come malocclusioni, bruxismo, mal di testa, mal di schiena e acufeni. Il bite dentale personalizzato, infatti, è una placchetta trasparente che si appoggia sulle arcate dentali e ne evita lo sfregamento o il contatto. In questo articolo, vengono approfonditi il suo funzionamento e le sue possibili applicazioni.

Il bite, fino a qualche anno fa, era praticamente un oggetto misterioso. Pochi ne conoscevano la funzione e le potenzialità e ancora meno erano i dentisti che realizzavano bite personalizzati per trattare specifici disturbi dei loro pazienti. Con il tempo, però, il bite per denti ha cominciato a riscuotere sempre più successo. Si è compreso, infatti, il suo ruolo decisivo per contrastare alcuni difetti dentali (soprattutto malocclusioni e bruxismo) e i disturbi che ne scaturiscono. Inoltre, è molto utilizzato in funzione contenitiva, dopo un percorso di ortodonzia, per evitare che denti appena raddrizzati tornino ad essere storti. Ecco perché oggi il bite dentale è ormai un oggetto molto diffuso. Proviamo a conoscerlo meglio.

Cos’è bite dentale e a cosa serve

Essenziale, trasparente, quasi invisibile. Dal punto di vista materiale, il bite non ha certo l’aspetto di uno strumento medico rivoluzionario. Si tratta, infatti, di una semplice mascherina in resina che si appoggia sull’arcata dentale (inferiore o superiore, a volte anche su entrambe) e impedisce che i denti si tocchino. Un rimedio apparentemente elementare ma che è in grado di cambiare, in meglio, la qualità della vita di chi lo indossa.

In odontoiatria, il bite per denti viene utilizzato per trattare diverse problematiche, come:

Le tipologie: personalizzato, morbido o preformato

Esistono molti modelli di bite dentale, differenziati a seconda della patologia che devono trattare, della struttura e dell’utilizzo.

I più efficaci sono i bite personalizzati, ovvero quelli che vengono realizzati dal dentista, in collaborazione con un odontotecnico, sulla base di un calco della bocca del paziente, Quindi ne riproducono fedelmente il profilo, adattandosi perfettamente alle arcate e intervenendo in modo specifico sui difetti del singolo.

Diffusi ma meno indicati, i bite morbidi, che si modellano sui denti la prima volta che vengono inseriti, e i bite preformati, con dimensioni e caratteristiche standard.

Quando è il caso di mettere il bite

Scendendo più nel dettaglio dei disturbi dentali su cui il bite può incidere positivamente, è bene analizzare meglio le tre già citate: bruxismo, malocclusioni e recidiva ortodontica.

Il bite per il bruxismo

Il bruxismo è quell’abitudine, spesso inconscia, che porta a serrare con forza la mandibola e a digrignare i denti. Una pessima abitudine che si verifica soprattutto di notte (ma non solo) e che può avere serie ripercussioni sulla salute dei denti e delle gengive. Inoltre, il bruxismo è spesso causa di mal di testa e dolori alla mascella, dovuti all’eccessiva contrazione muscolare.

Il bite per il bruxismo ha il compito di “mettersi in mezzo” e di evitare che le due arcate dentali si tocchino. In questo modo i denti non vengono a contatto e non si produce il pericoloso digrignamento. Le gengive, quindi, non risentono della pressione eccessiva e non si infiammano e la muscolatura mandibolare si rilassa.

Leggi di più sul bruxismo

Il bite per malocclusioni dentali, riposizionamento mandibolare e difetti di postura

Un’altra patologia dentale molto diffusa è la cosiddetta malocclusione. Il termine indica genericamente un errato funzionamento del morso. In pratica, la bocca “si chiude male”. I motivi possono essere vari: denti storti, denti mancanti, spostamento della mandibola.

Le conseguenze (disturbi dell’ATM) sono piuttosto pesanti. Chi soffre di malocclusione dentale, infatti, può ritrovarsi a combattere con frequenti mal di testa e dolori mandibolari. Inoltre, i difetti del morso possono provocare problemi all’apparato respiratorio (il comune “russare”) o a quello uditivo (gli acufeni). Infine, gli effetti delle malocclusioni si riflettono anche sulla colonna vertebrale, provocando mal di schiena e difetti nella postura.

Anche in questo caso, il bite può essere un valido alleato e contribuire al riposizionamento mandibolare. Viene personalizzato sulla bocca del paziente e riesce a correggere il difetto del morso. A cascata, quindi, spariscono anche tutti gli effetti e i dolori collegati. Ecco allora che si può parlare di bite per non russare o di bite per acufeni. In realtà, si tratta di una mascherina che agisce sulla malocclusione.

È bene specificare che, di fronte a patologie del genere, può essere utile e a volte necessario, associare il bite anche ad altri trattamenti terapeutici.

Odontoiatria olistica – Scopri di più

Il bite per “raddrizzare” i denti

Dire che il bite può essere utilizzato per raddrizzare i denti è sbagliato. È vero, invece, che può servire per mantenerli dritti, dopo un percorso di ortodonzia. Una volta che si sono ottenuti i denti dritti e sani che si è sempre sognato, bisogna saperli conservare. Il rischio della cosiddetta recidiva ortodontica, infatti, è sempre presente. I denti possono perdere la posizione acquisita e tornare storti, sia perché tendono a muoversi naturalmente, sia perché magari erroneamente stimolati dai già visti fenomeni di digrignamento.

Per evitare di aver perso soldi e tempo, si può utilizzare il bite con funzione contenitiva. La mascherina, infatti, eviterà pressioni indesiderate sulla dentatura e preserverà i risultati dell’ortondonzia.

Leggi anche: l'apparecchio per quando si toglie l'apparecchio

Come si utilizza il bite dentale: piccola guida pratica

Quando si parla del bite e della sua efficacia è fondamentale sottolineare come la riuscita del trattamento dipende essenzialmente dal corretto utilizzo della mascherina. Anche nel caso di bite realizzati a regola d’arte, se utilizzati poco o male, non consentono di raggiungere il risultato voluto e sperato. Ecco una breve guida con le risposte alle tre domande principali.

Come metterlo?

L’applicazione del bite è una cosa davvero molto semplice. Bisogna limitarsi ad appoggiarlo sull’arcata dentale per la quale è stato creato ed esercitare una leggerissima pressione, quella necessaria per farlo “incastrare” sui denti.

Quanto tempo va portato?

Di solito, i dentisti consigliano di tenere in bocca la mascherina almeno la notte. Per questo spesso si sente parlare di bite notturno. In realtà, però, quest’apparecchio speciale può essere indossato in qualsiasi momento, anche di giorno, visto che si toglie e si pulisce facilmente. Anzi, può lo si utilizza, migliori saranno gli effetti.

Come pulirlo?

Trovandosi sempre a contatto con la bocca, il bite deve essere sottoposto regolarmente ad un’attenta pulizia, altrimenti rischia di trasformarsi in un veicolo di germi e batteri. Non si tratta di una manutenzione faticosa, ma di attuare poche e semplici accortezze, utili anche per salvaguardare la trasparenza della mascherina.

È necessario ricordarsi di pulire il bite ogni volta che viene tolto e riposto nella sua scatola. Basta utilizzare uno spazzolino e una soluzione liquida fatta per un terzo di collutorio e per due terzi di acqua. In alternativa, va bene anche l’uso del dentifricio. L’importante è sempre risciacquare bene.

Sei sicuro di saper lavare bene i tuoi denti? Scoprilo qui

Articolo revisionato dal Dottor Emanuele Puzzilli - Medico odontoiatra e specialista in estetica dentale


donna con dolore da pulpite

Pulpite: cause, sintomi e cura

La pulpite è tra le cause più comuni del mal di denti. Spesso è la dolorosa conseguenza di una carie dentale non trattata o sottovalutata. Per curarla, occorre prima di tutto effettuare una diagnosi che permette di capire lo stato di avanzamento della patologia. 

Molto spesso, dietro al mal di denti si nasconde un disturbo chiamato pulpite. E altrettanto spesso, dietro alla pulpite si nasconde un dente cariato. Ecco perché la pulpite dentale e il fastidio che provoca non dovrebbero mai essere trascurati, potendo dare vita, con il passare del tempo, a patologie molto più gravi, che possono provocare anche la perdita del dente. Ma cos’è precisamente la pulpite? Come si riconosce e come si cura?

Cos’è la pulpite

Comincia rispondendo alla prima domanda. La pulpite è un’infiammazione che colpisce la polpa dentaria, cioè la parte più sensibile della dentatura, il cuore del dente, in sintesi la sua parte vitale. Da questo soffice tessuto si produce la dentina, dove sono presenti le terminazioni nervose che ci permettono di avvertire il caldo il freddo, il dolce e l’acido. Per questo, quando un’infiammazione come l pulpite arriva a intaccarla il dente diventa ipersensibile e si avverte un forte dolore.

A seconda della gravità, la pulpite si può distingue in reversibile e irreversibile.

Pulpite dentale reversibile

Nel caso della pulpite reversibile, l’infiammazione è moderata e quindi, se presa in tempo, può essere curata in modo piuttosto agevole. In questo caso, il mal di denti non sarà costante ma solo legato a precisi stimoli, come il contatto con bevande calde o freddo oppure la masticazione.

Pulpite dentale irreversibile

Molto più grave, invece, è il caso della pulpite irreversibile, che è purtroppo l’approdo naturale di una pulpite reversibile non curata. In questo caso, infatti, la semplice infiammazione iniziale degenera in necrosi della polpa dentale. Le ulteriori conseguenze possono essere ascesso, parodontite, granuloma o cisti. Nella pulpite irreversibile, il mal di denti è costante.

Le cause della pulpite

Come già detto, la causa principale della pulpite è una carie dentale. Il processo cariogeno infatti provoca una progressiva demineralizzazione dello smalto dentale e della dentina. Lo smalto dentale viene perforato dalle sostanze acide prodotte dagli zuccheri che a loro volta fermentano dai batteri presenti nel cavo orale. Quando il tessuto che la ricopre si lacera, la polpa dentaria resta esposta agli stimoli esterni e si avverte quindi il fastidioso dolore ai denti che rivela la presenza della pulpite.

Detto ciò, oltre ai fenomeni cariogeni, la pulpite può avere origine anche da altre condizioni o patologie. Tra queste le più importanti sono:

  • Bruxismo
  • Scarsa Igiene orale (ecco perché è importante lavare bene i denti)
  • Malocclusione o masticazione scorretta
  • Traumi dentali
  • Interventi dentari eccessivamente invasivi ripetuti nel tempo
  • Parodontite

I sintomi della pulpite: mal di denti e gonfiore

Il più classico e comune sintomo della pulpite è il mal di denti. Inizialmente la pulpite è silente, ma quando l’infiammazione arriva ad intaccare la dentina il dolore si presenta come molto forte, pulsante e intermittente, come una fitta estemporanea che spesso si attenua subito ma si fa nuovamente sentire più tardi. Inoltre, il dolore solitamente insorge quando si mangiano cibi dolci, caldi, freddi o acidi, in altri termini quando degli stimoli esterni attivano le terminazioni nervose della polpa dentaria.

L’intensità del fastidio dipende ovviamente dallo stato di avanzamento della patologia, in genere più ha agito in profondità il processo cariogeno e più forte sarà il dolore. In presenza di un’infiammazione avanzata, inoltre, insieme al dolore può presentarsi anche un gonfiore evidente e si espande a tutta l’arcata dentaria.

Per alleviare il dolore e sgonfiare la parte interessata dal problema, si può fare ricorso a un antibiotico o a un antinfiammatorio, ma occorre sempre consultare un medico. Al di là dell’alleviamento del dolore, inoltre, la cura della pulpite deve essere necessariamente realizzata con l’intervento professionale di un dentista.

Come si cura la pulpite

Quando si parla di cura della pulpite bisogna correttamente distinguere tra la gestione del mal di denti, che serve a migliorare la qualità della vita del paziente, e il trattamento vero e proprio del disturbo. Inoltre, un ruolo fondamentale lo svolge la prevenzione.

La prevenzione

Prevenire, si sa, è sempre meglio che curare. La prevenzione della pulpite significa ovviamente avere una buona igiene orale, una cura dei denti ottimale ed evitare tutte le cattive abitudini che possono sfociare nell’insorgere di carie dentali o di altri processi infiammatori che colpiscono lo smalto dentale, rendendolo meno forte e resistente.

L’importanza della pulizia dei denti professionale

La gestione del mal di denti

Una volta che la pulpite purtroppo si è generata, il primo problema che si pone è il trattamento del dolore. Il mal di denti, infatti, può essere davvero forte e invalidante. Le soluzioni sono di tipo farmacologico e contemplano l’uso di analgesici di vario tipo o di antibiotici, entrambe su prescrizione medica.

Rimedi contro il mal di denti

Il trattamento odontoiatrico

Per quanto riguarda la vera e propria cura della pulpite, torna in rilievo la distinzione tra reversibile e irreversibile.

Se la pulpite è reversibile nonostante i danni allo smalto dentale, la polpa dentale può essere preservata perché conserva ancora le sue funzioni vitali. In questa condizione, quindi, il dentista rimuove la carie con un’otturazione e ricostruisce il dente per eliminare il problema.

La situazione è invece completamente diversa se la pulpite è arrivata a uno stato irreversibile, causando oramai la necrosi della polpa e impedendone di conseguenza la cura. In questo caso bisogna effettuare una devitalizzazione del dente, estraendo la polpa dentaria e riempendo la cavità con del materiale specifico. Il dente sarà guarito quando i sintomi della pulpite e il dolore saranno spariti.

Può succedere, anche se è molto raro, che dopo la devitalizzazione il dolore persista, perché sono sfuggiti alcuni canali alla devitalizzazione, in questi casi occorre ripetere ulteriormente la terapia.


Radiografia denti del giudizio

I denti del giudizio, quando compaiono e perché (a volte) vanno tolti 

I denti del giudizio sono il retaggio di un modo di vivere e di alimentarsi del passato. Sono quattro, si trovano in fondo alle arcate e solitamente compaiano dopo i sedici anni. Purtroppo, i denti del giudizio possono dare problemi e dolore e, in alcuni casi, è necessario procedere con l’estrazione per evitare l’insorgere di patologie legate a una loro incompleta o incorretta eruzione.

Denti del giudizio, quali sono e quanti sono

In bocca, di denti del giudizio ciascuno di noi ne ha quattro e occupano le ultime posizioni (a destra e a sinistra) all’interno delle arcate dentali ed è uno dei tre denti molari presenti nei quattro quadranti della dentatura umana.

Tuttavia, in alcuni casi i denti del giudizio possono essere meno o più di quattro. In quest’ultimo caso, si riscontra una malattia genetica rara, denominata iperdontia, che richiede una specifica terapia.

Quando non spuntano tutti e la dentatura permanente resta incompleta, si tratta invece di ipodontia, una situazione molto comune che può essere determinata, per esempio, da un dente che rimane inglobato nell’osso e di conseguenza non riesce a spuntare.

Quando spunta il primo dente del giudizio?

Il dente del giudizio si chiama così (non solo nella lingua italiana) perché solitamente spunta in età post-adolescenziale, tra il sedicesimo e il venticinquesimo anno di età. La comparsa dei denti del giudizio segna così il completamento della dentizione permanente.

A cosa servono i denti del giudizio?

Prima di descrivere le più comuni patologie legate ai denti del giudizio, occorre rispondere a una domanda che può apparire banale ma che sicuramente è molto utile per capire l’approccio dei dentisti. A che cosa servono i denti del giudizio?

Se è vero che i denti del giudizio, quando erompono correttamente, contribuiscono alla masticazione, è corretto anche dire che oramai non sono indispensabili al funzionamento dell’arcata dentale. Nel corso dell’evoluzione umana, infatti, le abitudini alimentari dell’essere umano sono cambiate radicalmente e questo ha comportato che l’uso dei molari sia andato diminuendo e modificandosi.

In passato, l’essere umano utilizzava molto di più i molari per masticare alimenti ostici da ingerire, come per esempio cibi crudi o carni. Oggi, poiché questo tipo di alimenti sono in parte stati abbandonati, le dimensioni della mascella e della mandibola sono diminuite. Lo spazio per i denti del giudizio si sviluppa quindi solamente con l’avanzare dell’età e i denti del giudizio sono considerati “retaggio del passato” più che elementi necessari al corretto funzionamento della dentatura.

(l'articolo prosegue dopo l'immagine)

Dente del giudizio incluso
Dente del giudizio incluso

Disturbi e patologie legate ai denti del giudizio

Sono essenzialmente due le situazioni che possono venirsi a creare quando uno o più denti del giudizio non riescono a spuntare. Può succedere che un dente del giudizio resti completamente al di sotto della gengiva, in questo caso si parla di dente incluso, oppure che diventi in parte visibile, ma che non completi comunque la sua fase di crescita, restando quindi semincluso.

I fattori della mancata eruzione possono essere legati:

  • alla conformazione della mascella e della mandibola che non lascia spazio alla loro eruzione;
  • a problemi relativi all’asse di crescita del dente stesso, che non essendo orientato correttamente trova difficolta a spuntare, in alcuni casi facendo anche pressione sul secondo molare.

Queste situazioni possono creare diversi disturbi e patologie. La posizione incorretta del dente, per esempio, facilita l’insorgere di diverse infiammazioni gengivali (pericoronite), ascessi dentali e ostacola inoltre la corretta pulizia dei denti.

Quando invece il dente del giudizio resta intrappolato al di sotto la gengiva (incluso), aumenta il rischio di cisti e altre problematiche che, oltre a favorire infezioni, possono anche causare l’indebolimento dell’osso mandibolare.

In altri casi, la pressione esercitata da un dente del giudizio che non trova spazio per spuntare o che cresce storto, oltre a provocare un forte dolore favorisce anche il deposito di residui di cibo nelle fessure gengivali. Tutte queste situazioni di affollamento dentale, avvallamento gengivale ed esposizione batterica, inoltre finiscono spesso per causare carie dentali.

Prenditi cura dei denti del giudizio con la giusta igiene orale

Denti del giudizio e apparecchio

Capita spesso che i denti del giudizio siano ritenuti responsabili dello “spostamento degli incisivi” o, in generale, di un peggioramento dell’allineamento dei denti, magari raddrizzati da interventi di ortodonzia. La questione è piuttosto dibattuta tra gli specialisti, con alcuni dentisti che consigliano di estrarli per prevenire eventuali danni0.

In realtà, però, non tutti concordano con questa impostazione e c’è chi la ritiene infondata dal punto di vista scientifico, come dimostrerebbero alcuni studi.  Il motivo dello scetticismo risiede nella costatazione che tutti i denti hanno meccanismo di eruzione e di spinta identici tra loro. Sarebbe quindi irrealistico credere che un dente, in questo caso il terzo molare, possa produrre una forza tale da determinare lo spostamento di più elementi dentari, addirittura fino ad arrivare agli incisivi.

L’impostazione più corretta, quindi, è come sempre quella che lascia la decisione al singolo professionista, chiamato a basarsi sulle condizioni particolari del singolo paziente, senza ricorrere a soluzioni preconfezionate “valide sempre e per tutti”.

Leggi di più sugli apparecchi per denti

Estrazione dei denti del giudizio

Ascesso, carie, pericoronite e altre infiammazioni gengivali sono sicuramente i disturbi più comuni che insorgono per problematiche relative ai denti del giudizio. In questi casi, molto spesso è consigliato procedere direttamente con l’estrazione.

L’estrazione del dente del giudizio è comunque un intervento di routine che si esegue con una semplice anestesia locale. Sono molto comuni perdite di sangue e gonfiore, ma l’importante è favorire la corretta cicatrizzazione della ferita nei giorni successivi all’operazione. Questo significa evitare sigarette, alcool, caffè, cibi caldi, o medicinali come l’aspirina che hanno una funzione antiaggregante.  Normalmente il sanguinamento non dura più di ventiquattro ore, mentre il dolore dovrebbe scomparire a una settimana dall’intervento. In caso contrario, si consiglia di contattare il dentista per un controllo.

Difficolta e rischi dell’estrazione

La difficoltà dell’intervento varia significativamente a seconda dei casi e della situazione generale del paziente. La procedura risulta sicuramente più facile nei soggetti giovani, così come è più semplice estrarre il dente del giudizio superiore rispetta a quello inferiore. Allo stesso modo, più il dente del giudizio è riuscito a spuntare fuori dalla gengiva e più risulterà facile l’estrazione. Al contrario, su un dente incluso, intrappolato all’interno della gengiva e quindi non visibile, è certamente molto più complicato intervenire.

Il rischio di fratture all’angolo mandibolare dopo l’intervento è dovuto all’eccessivo carico sull’area interessata. Ma è un rischio praticamente nullo che non si concretizza quasi mai (0,005% dei casi) e che si azzera completamente evitando di fare pressione sul punto operato.


spazio tra i denti incisivi

Diastema, come correggere lo spazio tra i denti davanti

Hai i denti frontali troppo distanti tra di loro e non ti piacciono? Si tratta di diastema ed è un problema piuttosto comune, che riguarda soprattutto gli incisivi superiori. Per risolverlo si può ricorrere all’ortodonzia (anche con apparecchio per denti invisibile) o all’applicazione di faccette dentali. Ma c’è anche chi sceglie di tenersi questo piccolo difetto del sorriso e farne un cavallo di battaglia, come molte star (Madonna su tutte).

Cos’è il diastema e quali conseguenze ha sulla bocca

Cominciamo dal principio. Cos’è il diastema? Semplicemente si tratta di due denti separati da uno spazio innaturale ed eccessivo. Questa è la definizione corretta e precisa. Una “fessura”, una piccola “finestra”, nel gergo più comune. A chi non è mai capitato di conoscere una persona con gli incisivi troppo distanti? Alcuni lo portano con leggerezza (come molte star dello spettacolo), altri, invece, lo sopportano poco.

Il diastema, infatti, è essenzialmente un problema estetico. Solo in condizioni particolari può trasformarsi in una vera patologia. È il caso, ad esempio, dei bambini. In tenera età, infatti, la presenza di troppo spazio tra i denti può generare difetti nella pronuncia delle parole. Da adulti, una delle conseguenze del diastema può essere una sollecitazione eccessiva delle gengive, con rischio di gengivite.

Il diastema delle star

Come detto, molte star hanno incisivi separati e li portano con stile (foto). Qualche nome di vip con diastema? C’è la già citata Madonna, ma la regina del pop americana è in buona compagnia: Brigitte Bardot, Eddie Murphy, Arnol Shwarzenegger, Ronaldo (che ha scelto di correggerlo), Elton John e molti altri. E tra gli italiani, spiccano i nomi di Ornella Muti e Laura Pausini.

Le cause della “fessura” tra i denti

Ma da cosa è causato il diastema? Il motivo principale è legato ad un rapporto squilibrato tra grandezza dei denti e lunghezza della mascella. Denti troppo piccoli su una mascella assai lunga finiscono per essere molto distanti l’uno dall’altro. Il problema esattamente opposto a quello dell’affollamento dentale.

In altri casi è un frenulo gengivale (il lembo che collega labbra e gengive) ad essere troppo lungo e proteso verso il basso, così da distanziare i denti.

Altre possibili cause, infine, sono le cisti dentali o alcune brutte abitudini che si hanno da bambini, come quella di succhiarsi il pollice.

Come eliminare lo spazio tra i denti

Per sistemare il diastema e far sparire lo spazio tra i denti, ci sono diverse soluzioni, tutte legate all’odontoiatria estetica. Il rimedio più comune, soprattutto quando si interviene su bocche giovani e ancora in formazione, è l’ortodonzia. Molto efficace è anche il ricorso alle faccette dentali estetiche. Infine, è possibile ricorrere anche a interventi più drastici, come le corone (soprattutto se i denti sono malati) o gli impianti.

Correggere il diastema con l’apparecchio

L’ortodonzia può essere un rimedio efficace contro denti troppo distanti. Molto applicata con i ragazzi, che hanno dentature ancora in fase di sviluppo (ortodonzia intercettiva con apparecchi di tipo funzionale), può però essere utilizzata anche con glia adulti. Le tecniche, ovviamente, sono diverse e dipendono dalla situazione della bocca del paziente. In alcuni casi si rende necessario un apparecchio fisso, in altri è sufficiente quello mobile per riacquistare un sorriso perfetto. È molto diffuso anche l’uso di Invisalign, l’apparecchio per denti trasparente.

Scopri di più su Invisalign

Correggere il diastema con le faccette in ceramica

Un altro metodo di correzione del diastema molto incisivo e sempre più diffuso è quello che prevede l’applicazione delle faccette estetiche, solitamente in ceramica. Il dente viene ricoperto esternamente da una placchetta che ne modifica forma e grandezza, rispettandone in pieno il colore. Il risultato è assolutamente naturale e invisibile.

Tutto quello che vuoi sapere sulle faccette estetiche

Capsule e impianti, i rimedi più drastici

In chiusura, vale la pena menzionare altri due possibili metodi di correzione del diastema, meno usati perché molto invasivi: la corona (capsula) e l’impianto. La prima soluzione, limitata ai casi in cui ci siano carie o altre patologie, prevede l’otturazione (o la devitalizzazione) del dente e suo successivo incapsulamento. Negli impianti, invece, il dente viene radicalmente rimosso e sostituito con una protesi.

Leggi di più sugli impianti a carico immediato


Capsula sul dente

Capsula dentale, cos’è e quando serve 

La capsula dentale, tecnicamente detta corona protesica, è una soluzione conservativa per proteggere i denti deteriorati da traumi o patologie. Le capsule per denti sono realizzate in ceramica e applicate mediante la cosiddetta procedura di incapsulamento. In questo articolo, vengono approfondite le caratteristiche delle capsule, il procedimento e soprattutto le cure necessarie per un dente incapsulato.

La capsula dentale, che in gergo tecnico odontoiatrico si chiama corona protesica, è una delle soluzioni più utilizzate quando si tratta di ripristinare e proteggere un dente curato o danneggiato da traumi. Un esempio su tutti: la capsula su un dente devitalizzato. La sua diffusione e la sua importanza, nel corso degli anni, l’hanno messa al centro di importanti innovazioni. Oggi tra capsula e dente vero è praticamente impossibile cogliere la differenza. Questo perché i materiali utilizzati così come le tecniche di incapsulamento sono migliorati in modo esponenziale.

Ecco perché la capsula dentale merita un approfondimento in cui si spieghi bene cos’è, come è fatta, come e quando si usa, quanto costa, quanto dura e di che tipo di manutenzione ha bisogno un dente incapsulato.

Cos’è una capsula dentale: definizione, tipologie e utilizzo

In termini molto semplici e puntando a una definizione essenziale, si può affermare che

la capsula dentale altro non è che una corona artificiale (la corona naturale altro non è che la parte visibile del dente).

La forma, la dimensione e il colore, quindi, sono identici a quelli di un dente vero, per poter garantire un sorrriso “senza ombre”.

A seconda del materiale di cui è composta, la capsula può essere di diversi tipi:

  • ceramica - metallo: l'involucro esterno, quello visibile, è in ceramica, sostenuto internamente da un anima in metallo;
  • composito - metallo: l'anima è sempre in metallo, mentre la parte esterna è realizzata in composito, come alternativa alla ceramica;
  • ceramica: non prevede nessuna presenza di metallo, questo la rende più efficace esteticamente e le permette di sposare un approccio metal free.

Niente metallo in bocca, ecco perché scegliere un dentista metal free

A cosa serve una corona dentale

L’incapsulamento, cioè l’applicazione della capsula dentale, rientra in un’ottica di odontoiatria conservativa, cioè un approccio che predilige valorizzare e mantenere ciò che c’è (i denti naturali, anche se curati), ricorrendo all’estrazione e all’impianto solo in casi estremi.

Quindi si utilizza l’incapsulamento in presenza di denti gravemente danneggiati (magari da una carie o da una pulpite), fratturati o con smalto rovinato. Si ricorre alla capsula anche a seguito di una devitalizzazione. Può essere utile una capsula anche per ricoprire un impianto dentale.

Come avviene l’incapsulamento del dente

L’inserimento di una capsula (incapsulamento) a protezione di un dente malmesso non è un’operazione particolarmente complessa. Serve, però, più di una seduta per completarla, perché è necessario dare tempo all’odontotecnico di creare la capsula, su indicazione dell’odontoiatra.

Le fasi principali dell’operazione sono:

  • Rimozione della corona: viene asportata la parte più esterna del dente danneggiato, per creare posto alla protesi;
  • Acquisizione del calco della bocca attraverso un’impronta dentale, per capire forma e dimensione della capsula;
  • Inserimento di una capsula provvisoria;
  • Creazione della nuova capsula e test direttamente nella bocca del paziente;
  • Cementazione, è la fase finale, possibile quando il precedente test è andato a buon fine.

Durata e manutenzione del dente incapsulato 

Quanto dura una capsula dentale? La risposta corretta è: dipende dalla cura che si presta al dente incapsulato. La corna protesica, infatti, è molto simile a un dente normale e come tale va trattata. Fondamentale, quindi, è l’igiene orale: lavare i denti regolarmente, tutti i giorni, passare il filo interdentale e sottoporsi a periodiche sedute di pulizia professionale con un igienista.

Rispetto ai denti naturali, poi, la capsula tende ad essere più rigida, quindi è soggetta più facilmente a traumi. Meglio stare attenti, quindi, quando si masticano cibi duri.


disturbo atm

Disturbi dell’ATM, prendersi cura dell’articolazione temporo mandibolare 

Le disfunzioni dell’ATM possono essere alla base di patologie che si accusano quotidianamente, come mal di testa, mal di denti o postura errata. Spesso, però, non ci si rende davvero conto delle origini di questi dolori. Eppure, il riconoscimento dei sintomi e una giusta diagnosi permetterebbero di approntare cure davvero risolutive, con l’intervento del dentista.

La sigla ATM, in medicina, indica l’articolazione temporo mandibolare. Si tratta, cioè, del duplice sistema articolare (presente a destra e a sinistra del viso) che connette la mandibola al cranio e permette movimenti semplici ma fondamentali, come l’apertura e la chiusura della bocca (i dettagli li trovi qui). Visto il suo ruolo e la sua complessità, l'articolazione temporo-mandibolare può manifestare diversi problemi nel tempo, che vanno sotto la generica dizione di disturbi dell'ATM.

I disturbi ATM, dalla bocca lunga tutto il corpo

Proprio perché molto sensibile, l’articolazione temporo mandibolare può andare incontro a diverse disfunzioni. Disturbi che spesso hanno un decorso anche molto doloroso e che possono trascinarsi per anni, colpendo la testa, le orecchie, la bocca e la schiena. Anche perché, molto spesso, vengono sottovalutati e non adeguatamente diagnosticati. Ecco perché è importante imparare a riconoscerne possibili sintomi e cause.

Disfunzione ATM: i sintomi

Come identificare un disturbo ATM? Ci sono dei segnali che devono far venire sospetti? Di possibili sintomi ce ne sono diversi. Il più immediato è il dolore localizzato proprio nell’articolazione cranio mandibolare, spesso accompagnato da un tipico e fastidioso click, quando si apre la bocca. Un buon test per capire se è il caso di andare da uno specialista per degli approfondimenti è quello di aprire la bocca tenendo le mani sulle orecchie: se si avverte un rumore è bene prenotare una visita.

In molti casi, però, pure in presenza di un problema all’ATM, la mandibola non fa male. Il dolore, invece, può manifestarsi su nuca, collo e spalle, direttamente collegati al funzionamento della bocca e del complesso cranio-cervicale.

Esistono poi tutta una serie di sintomi che possono apparire lontani e indipendenti ma che invece sono spie piuttosto attendibili di una sindrome ATM. I principali sono:

Le cause delle disfunzioni ATM: ansia, stress, malocclusioni e patologie complesse

Una volta individuati i possibili sintomi, è utile anche un’analisi delle cause che possono essere all’origine dei disordini temporo mandibolari.

Cominciamo dallo stress. Spesso, infatti, l’insorgere dei disturbi ATM è dovuto a stati di ansia. Infatti, vivere “in tensione”, a causa del lavoro o della vita privata, può portare ad un acutizzarsi di atteggiamenti negativi, come il bruxismo (cioè serrare o digrignare i denti). Da queste cattive abitudini possono poi discendere i sintomi dolorosi che abbiamo visto.

Lo stress, però, non deve essere usato come un passepartout che semplifica le diagnosi, fino a renderle poco credibili. Insomma: non è sempre e comunque colpa dell’ansia e delle pressioni sociali. Spesso l’Atm funziona male per delle ragioni strutturali, che hanno a che fare con la stessa conformazione della bocca, della mandibola o dell’articolazione (come i denti storti o le malocclusioni) Eredità genetiche oppure difetti conseguenti a traumi (in cui rientrano anche gli errati interventi dentali).

In molti casi, infine, le disfunzioni dell’articolazione temporo mandibolare sono legate alla presenza di patologie complesse, come l’artrite reumatoide, la sclerosi sistemica o la gotta.

Come si curano i disturbi temporo mandibolari 

A chi rivolgersi 

Se si ha il sospetto di essere affetti da un disturbo ATM è bene recarsi tempestivamente da un medico. Trascinarsi i problemi, infatti, è il modo migliore per cronicizzarli e renderli ancora più dolorosi. Spesso si sottovalutano in maniera miope le conseguenze negative di queste disfunzioni, che possono invece provocare un netto peggioramento della qualità della vita.

Lo specialista più indicato per una visita è senza dubbio il dentista, soprattutto se esperto in gnatologia. Nei casi più evidenti, sarà sufficiente la visita per arrivare a una diagnosi certa. In altre circostanze, invece, potrebbe essere necessaria una radiografia.

I possibili trattamenti: bite, ortodonzia e chirurgia 

La soluzione più semplice, immediata e indolore per chi ha problemi all’articolazione cranio mandibolare è senza dubbio il bite. Uno strumento essenziale, che aiuta a non digrignare i denti e rilassa i muscoli della bocca. In molti casi è sufficiente, soprattutto quando le disfunzioni dell’ATM sono conseguenza di stress o malocclusioni non particolarmente gravi. Nelle situazioni più compromesse, invece, più risultare inefficace.

Leggi anche: Il bite sportivo, migliorare le performance partendo dai denti

Il gradino terapeutico successivo è rappresentato dall’ortodonzia, ovvero riallineare i denti utilizzando un apparecchio (mobile o fisso, magari invisibile o di tipo funzionale ortopedico). Le casistiche più gravi, infine, richiedono un vero e proprio intervento chirurgico (fino alla sostituzione dell’intera articolazione).

Servizi di ortodonzia e ortodonzia trasparente


curare-le-carie

La carie dentale, il nemico numero uno del sorriso

I denti cariati sono un vero incubo per chi tiene alla salute e alla bellezza del proprio sorriso. La carie dentale, infatti, è una delle patologie più diffuse a livello mondiale e quando si manifesta nelle sue forme più acute può causare dolori molto forti. Una questione estetica, quindi, ma anche di benessere fisico. Ecco perché è importante conoscere bene questo “nemico” per imparare a prevenirlo e contrastarlo. In questo articolo si analizzano tutti gli aspetti dei denti cariati: cause, sintomi e possibili cure.

Può causare dolori molto forti e rovinare sia la funzionalità che l’estetica dei denti. La carie è, a tutti gli effetti, uno dei peggiori nemici del sorriso e della salute orale. Purtroppo, quasi tutti, nel corso della vita, siamo costretti a farci i conti, prima o poi. Per evitarla o contrastarla, quindi, è bene conoscerla.

Carie dentale, cos’è e quali sono le cause

Partiamo dalla definizione. La carie rientra nella categoria delle infezioni dentali. Più nello specifico, è una malattia degenerativa che colpisce i tessuti duri del dente. In una prima fase aggredisce lo smalto e poi la dentina. Se non viene fermata in tempo, però, la carie può raggiungere anche la polpa dentaria e da lì degenerare in altre patologie: pulpite, ascesso, cisti, granuloma, gengivite e piorrea.

Le diverse tipologie di carie: superficiale, cavitata, radicolare e su denti da latte

Finché l’azione distruttiva dei batteri si ferma allo smalto, si parla di carie superficiale, praticamente asintomatica. Quando invece l’aggressione tocca la dentina, magari distruggendola completamente, ci si trova di fronte ad una più grave e dolorosa carie cavitata.

Diverso, invece, è il caso della carie radicolare, così chiamata perché si manifesta vicino alla radice del dente, in prossimità della gengiva, spesso causando una recessione della stessa.

Un discorso a parte lo meritano le carie che si sviluppano durante l’infanzia. Il fatto che i denti dei bambini (quelli da latte) siano destinati a cadere induce molti genitori in errore facendogli trascurare la necessità di curarle. Invece, di fronte a dentini cariati è importante andare quanto prima del dentista. Il perché è possibile leggerlo in questo articolo dedicato.

Le cause dei denti cariati

Ma da cosa (o da chi) è causata una carie? I principali responsabili denti cariati sono i batteri che popolano il cavo orale. Si tratta di microrganismi che si trovano naturalmente nella bocca umana e che, in condizioni normali, non provocano alcun danno.

I problemi sorgono quando questi batteri si annidano nella placca e vengono messi in condizione di nutrirsi di residui di alimenti, rimasti attaccati ai denti o negli spazi interdentali. Mangiando tali zuccheri, infatti, liberano lattato, una sostanza particolarmente acida che riesce ad intaccare lo smalto dei denti. È così che si crea un varco che consente ai batteri di penetrare dentro il dente, aggredendo prima la dentina, che è più “debole” dello smalto perché composta da una maggiore percentuale di tessuto organico, e poi la polpa.

prevenzione-carie

I fattori di rischio e l’importanza della prevenzione

Come detto, gli agenti che materialmente provocano la carie sono i batteri. Dare a loro tutta la colpa, però, è sbagliato. I denti cariati, purtroppo, sono frutto di un insieme di cause differenti. Per questo motivo, risultando difficile controllarle tutte, l’arma più efficace per non avere denti cariati è la prevenzione, ovvero una cura attenta dell’igiene orale.

Come lavare bene i denti

Vediamo quali sono i principali fattori di rischio che possono facilitare il formarsi delle carie sui denti.

Struttura genetica dei denti. La carie, come moltissime patologie umane, può essere incentivata da fattori genetici. Nello specifico, particolari caratteristiche dello smalto e della dentina possono renderli più facilmente attaccabili e più soggetti alle aggressioni batteriche.

Come rinforzare lo smalto dei denti

Conformazione della bocca e della dentatura. Denti storti o molto spaziati tra di loro possono essere tra le concause delle carie dentali. I residui di cibo, che alimentano l’azione batterica, posso depositarsi più agevolmente e sfuggire al passaggio dello spazzolino.

Caratteristiche della saliva. Visto che l’insorgenza delle carie è strettamente legata al livello di acidità della bocca, la saliva gioca un ruolo da protagonista. Infatti, è suo il compito di mantenere un corretto equilibrio del ph orale, oltre a svolgere una funzione immunitaria. Quindi, se la produzione di saliva si abbassa o questa diventa più acida, le carie trovano terreno fertile per attecchire.

Presenza di placca dentale. La placca è il luogo che fornisce ospitalità e nutrimento ai batteri. Ecco perché è direttamente implicata nelle carie ai denti. Si conferma, quindi, l’importanza di una buona igiene orale, che la rimuova completamente e con attenzione.

Cattive abitudini alimentari. Il consumo eccessivo di alimenti contenenti zuccheri più alterare l’equilibrio acido della bocca e quindi creare un ambiente favorevole a dar vita a denti cariati. È perciò una buona abitudine evitare o moderare il consumo di cibi che favoriscono la carie, come caramelle, dolci e bevande zuccherate. Viceversa, bene venga l’assunzione di alimenti con sali minerali, che rinforzano i denti.

La pulizia dei denti per prevenire le carie

I sintomi delle carie ai denti

Come si fa a rendersi conto se si ha una carie? Ci sono dei campanelli d’allarme? La domanda è lecita. Una diagnosi precisa può essere fatta solo da un dentista. Il corpo, però, lancia diversi segnali che possono far sospettare la presenza di denti cariati. I sintomi della carie più comuni sono:

  • mal di denti;
  • sensibilità dentale (soprattutto al caldo e al freddo);
  • presenza di macchie scure sui denti;
  • presenza di fori.

Quando si avvertono sintomi che fanno sospettare l’insorgenza di una carie ai denti è bene rivolgersi tempestivamente al proprio dentista di fiducia. Solo un odontoiatra, infatti, può valutare la gravità della situazione e prendere i dovuti provvedimenti. Non è in alcun modo possibile curare la carie a casa, con improbabili metodi fai da te. Anzi, posticipare la visita odontoiatrica, può solo peggiorare la situazione, perché da tempo all’infezione di muoversi in profondità, continuando a fare danni.

Diagnosi e cura di una carie

Le scelte su come curare la carie dipendono dalle sue caratteristiche e da quanto abbia già aggredito il dente.

Le carie superficiali, quelle che non danno sintomi dolorosi perché ancora circoscritte allo smalto, non richiedono interventi invasivi. Possono essere trattate con del fluoro, che le rende carie secche e quindi innocue.

L’otturazione, invece, è la soluzione più diffusa e conosciuta e si applica quando la carie ha attaccato la dentina senza però raggiungere la polpa. In questo caso, il dentista rimuove la porzione di dente malato, disinfetta l’area e termina otturandola con un materiale particolare. Se il dente risulta particolarmente indebolito si può rendere necessaria la creazione di una corona che sostituisce quella originale. I progressi tecnologici permettono oggi di offrire delle otturazioni e delle corone esteticamente impeccabili, che non si notano e non rovinano il sorriso.

Se invece la carie si è spinta fino all’estremo, l’unico rimedio possibile per salvare il dente è la devitalizzazione, che comporta la rimozione della polpa e la sua sostituzione con materiali compatibili, sia fisiologicamente che esteticamente.

Infine, l’eventualità di una estrazione del dente in seguito ad una carie è piuttosto remota. È la soluzione estrema, praticata solo quando il dente è irrimediabilmente compromesso e non può essere salvato.

Prenota un controllo presso gli Studi dentistici Puzzilli