Impronta dentale digitale, niente più fastidi e dolore 

Prendere correttamente l’impronta dentale è importantissimo, perché è così che si costruiscono protesi, apparecchi e molti altri interventi. Il metodo classico, che prevede l’uso di una pasta particolare, può causare molti fastidi, soprattutto nei pazienti ansiosi o nei bambini. Con l’impronta dentale digitale, invece, tutto si risolve. Grazie a uno speciale scanner, prendere l’impronta dei denti diventa un’operazione facile e veloce.

L’impronta dentale, un’attività che richiede molta attenzione 

Non si scappa, è quasi inevitabile. Almeno una volta nella vita, capita di trovarsi di fronte al proprio dentista che pronuncia la fatidica frase: “dobbiamo prendere l’impronta dentale”. D’altra parte, l’impronta dei denti è davvero un passaggio cruciale per molti interventi. Serve, ad esempio, nei casi di ortodonzia, negli impianti o nella costruzione delle protesi. Il calco della bocca permette di capire come sono posizionati i denti o che forma hanno il palato e le gengive, e quindi consente di calibrare la cura sulle reali esigenze del paziente.

Per questo motivo, ogni dentista sa bene che deve stare molto attento quando compie questa operazione. Un’impronta sbagliata significa tanto lavoro perso. A fare la differenza sono, ovviamente, l’esperienza del professionista e la qualità dei materiali utilizzati. Ecco perché i prezzi super scontati, anche in questo caso, non sono una buona idea, perché possono nascondere delle gravi e dannose carenze.

Lo staff dello Studio Puzzilli

Particolare calco bocca

Come prendere le impronte dentali: il metodo classico

Ci sono essenzialmente due tecniche per prendere l’impronta dei denti: quella classica e quella digitale. Il metodo classico prevede l’uso di una pasta morbida (alginato o silicone), che si inserisce nella bocca del paziente con un apposito strumento, sull’arcata dentale interessata. Va lasciata in posa alcuni minuti, durante i quali è necessario restare fermi il più possibile. Appena la pasta ha raggiunto il giusto livello di solidificazione, la si rimuove. Infine, all’interno dell’impronta indurita, il dentista farà colare del gesso, ottenendo il vero calco della bocca.

In alcuni casi, per interventi di tipo estetico che richiedono la massima precisione, si può ricorrere anche al metodo della doppia impronta.

I fastidi dell’impronta dentale con il metodo classico, senso di soffocamento e di vomito 

Così descritta, l’attività necessaria per prendere l’impronta non sembra particolarmente difficoltosa. Ma se la maggior parte delle persone la teme, un motivo ci dev’essere. Il problema grosso sta proprio nella pasta che viene utilizzata. O meglio, nel suo posizionamento, che la porta ad invadere gran parte della bocca.

Nell’attesa che alginato o silicone si solidifichino, infatti, il paziente può accusare senso di soffocamento, di nausea e di vomito. Si tratta solo di sensazioni, perché in nessun modo l’impasto può essere davvero pericoloso. Ma sono comunque effetti molto fastidiosi, che si manifestano in maniera ancora più forte in persone ansiose e nei bambini.

 

L’impronta dentale digitale, la soluzione che elimina i fastidi 

Per fortuna, le tecnologie 2.0 hanno permesso di creare un nuovo metodo per prendere le impronte. Si tratta della cosiddetta impronta dentale digitale, realizzata attraverso uno scanner (o laser). Una tecnica utilizzata in entrambe le sedi dello Studio Puzzilli, sia a Roma che a Milano.

Nella bocca si introduce solo un piccolo apparecchio, simile ad una penna. Con pochi passaggi si acquisiscono tutte le informazioni su denti, palato e gengive, che poi vengono riversate su un pc. Infine, un software specifico elabora tutti i dati e li trasforma in una proiezione 3d della bocca, perfetta in ogni dettaglio.

I vantaggi? Molti, sia per il dentista che per il paziente:

  • Invasività praticamente nulla;
  • Nessun fastidio (addio a senso di soffocamento, nausea e vomito)
  • Estrema velocità
  • Massima precisione.

Prenota una prima visita (Roma e Milano)