Lavare i denti ai bambini (e insegnargli a farlo da soli)

Lavare i denti ai bambini è una delle cose che preoccupa di più i genitori, soprattutto se sono alle prime armi. Da piccolissimi, i problemi che ci si pone sono quando iniziare e come fare. Man mano che crescono, il cruccio diventa insegnargli a fare da soli. Ed essere sicuri che lo facciano bene. A ogni domanda, per fortuna c’è una risposta. Basta non farsi prendere dal panico.

Di solito, il momento critico arriva quando spunta il primo dentino. Quel minuscolo dente da latte se ne sta lì, bianchissimo o solitario, i genitori lo guardano e si domandano: adesso dobbiamo lavarlo? E come? Poi a quel dentino se ne affiancano tanti altri, che dopo qualche anno cadono e lasciano il posto a denti veri, grandi e stabili. E il problema diventa insegnare ai bambini a lavarseli da soli, possibilmente bene. Ma procediamo con ordine e cerchiamo di dare una mano a questi giovani mamma e papà.

Quando iniziare a lavare i denti ai bambini

Partiamo con il primo dubbio. Quando si deve iniziare a lavare i denti a un bambino? La risposta è semplice e immediata. Appena spunta il primo dentino. Ebbene sì, anche i denti da latte si lavano, perché si possono cariare, proprio come quelli definitivi.

Leggi anche: Dentini cariati, cosa fare

Ad essere precisi, bisognerebbe iniziare a preoccuparsi dell’igiene orale di un figlio già da neonato. I denti non ci sono, è vero, ma vanno curate le gengive, che svolgono un ruolo fondamentale.

Come lavare i denti dei bambini

Veniamo al secondo punto cruciale: come lavare i denti. Nel caso dei neonati, quando l’obiettivo sono solo le gengive, farlo è molto semplice. Basta passarci delicatamente sopra una garza leggermente inumidita, magari con un po’ di soluzione fisiologica. E la stessa tecnica si può usare con i primissimi denti da latte.

Man mano che il tempo passa e i dentini aumentano, invece, si può passare al dentifricio e allo spazzolino, ovviamente specifici per neonati o bambini piccoli. La spazzolatura va fatta delicatamente, continuando a interessare anche delle gengive. La tecnica utilizzata, però, deve essere la stessa degli adulti: movimento orizzontale e verticale.

Leggi anche: Come lavarsi bene i denti

Insegnare ai bambini a lavarsi i denti da soli? Non è una missione impossibile

Terza e ultima domanda, di certo non meno importante: come faccio a convincere mio figlio a lavarsi i denti da solo? Di sicuro serve tempo e pazienza, e anche un po’ di fantasia, ma non è una missione impossibile.

Cominciare presto

Mani di un bambino con spazzolino e dentifricio
Per insegnare ai bambini come si lavano i denti bisogna iniziare presto. Appena acquisiscono una discreta manualità è bene fargli prendere confidenza con lo spazzolino, anche se solo per giocare. I denti poi glieli lavano per davvero mamma e papà. L’igiene orale, dopo colazione e prima di andare a dormire, deve diventare subito un’abitudine, un piccolo rito.

Imparare giocando

La verità è che, per insegnare qualcosa di antipatico a un bambino, c’è un solo metodo infallibile: giocare con lui. Quando si è piccoli non si percepisce l’importanza di lavarsi i denti. Quindi quei cinque minuti passati davanti allo specchio sono solo una perdita di tempo. A meno che qualcuno non li renda molto divertenti. E quella persona non può essere che la mamma o il papà. Come? Ad esempio, spazzolandosi i denti insieme, con annesse chiacchiere e boccacce, oppure accompagnando il tutto con una filastrocca o una canzoncina (qui ce ne sono alcune molto carine). Funzionano bene anche le favole, o i piccoli premi, oppure la presenza del proprio pupazzo preferito. Un’idea può anche essere quella di utilizzare spazzolini e dentifrici con forme e colori accattivanti: cartoni animati, animali, supereroi. Sempre stando attenti a non acquistare “schifezze” con strane composizioni.

Il controllo finale

Più il bambino diventa indipendente nello spazzolare i denti, più diventa essenziale che il genitore faccia un controllo “finale”. Soprattutto nei primi tempi, capiterà spesso di dover riprendere in mano lo spazzolino, per andare a salvare qualche dente sfuggito allo spazzolino. Poi tutto diventerà normale e ben fatto, senza neanche accorgersene. E il bambino avrà davvero imparato a lavarsi i denti da solo.

Il dentista dei bambini