Scegliere lo spazzolino da denti per bambini: elettrico o manuale? 

La scelta dello spazzolino da denti per un bambino è importante come per gli adulti. Forse anche di più, perché è il primo passo verso una buona educazione all’igiene orale. Ma quali sono le caratteristiche che bisogna guardare per scegliere lo spazzolino per bambini migliore? Si può optare anche per uno elettrico o è preferibile quello manuale? Vediamolo insieme agli esperti dello Studio Puzzilli.

Educare i bambini, fin da piccoli, a lavarsi bene i denti è fondamentale. La salute della bocca si costruisce già nei primi anni di vita, e le buone abitudini vanno apprese presto. Meglio, allora, se tra il bimbo e il suo spazzolino si crea subito un bel rapporto, quasi un gioco. Ecco perché la scelta di questo piccolo ma fondamentale strumento deve essere fatta con cura. Chi ben comincia è a metà dell’opera.

Ecco come insegnare ai bambini a lavarsi i denti

Padre e figlio si lavano i denti

Come scegliere lo spazzolino per bambini 

Come per gli adulti, anche per i bambini il mercato offre una quantità infinita di spazzolini, diversi per colore, forma, grandezza, caratteristiche tecniche ed estetiche. Orientarsi in questa giungla sembra impossibile. E invece non lo è, soprattutto se si hanno in mente i due obiettivi a cui si deve mirare:

  • bellezza;
  • funzionalità.

Leggi anche: Cosa fare con i dentini cariati

Colorato e divertente 

Partiamo dalla bellezza, che può sembrare un aspetto superfluo, ma non lo è affatto. Se è vero che lavarsi i denti deve sembrare un gioco, il giocattolo che viene utilizzato non può essere brutto. Lo spazzolino da denti di un bambino deve piacergli, attirarlo, divertirlo. Anzi, la cosa migliore è che sia proprio lui a sceglierlo (ovviamente all’interno di un gruppo ristretto di spazzolini con le giuste caratteristiche tecniche). Ad esempio, potrebbe essere colorato, con i cartoni animati stampati sull’impugnatura.

Piccolo, comodo e morbido 

Per quanto riguarda la funzionalità, invece, è bene che la scelta la facciano papà e mamma. Gli elementi a cui fare attenzione quando si sceglie uno spazzolino per bambini sono tre:

  • la testina: la bocca piccola di un bimbo richiede una testina altrettanto minuta, che possa arrivare facilmente su ogni dente e non dia fastidio;
  • le setole: devono essere morbide e delicate, per accarezzare dentini e gengive senza ferirli;
  • l’impugnatura: comoda per poter essere afferrata e maneggiata da una mano piccola come il suo proprietario.

Spazzolino da dito, per neonati o bimbi piccoli 

Una menzione a parte la merita il cosiddetto spazzolino da dito (qui alcuni esempi), ideale per i neonati o per i bambini molto piccoli. È composto da una semplice testina con setole molto morbide, applicata in cima ad un cappuccio, perfetto da infilare sulle dita di una mano. In questo modo, i genitori possono spazzolare delicatamente i denti e le gengive del proprio figlio, senza il fastidioso ingombro del manico, che su un bimbo così piccolo risulterebbe davvero sproporzionato.

Lo spazzolino da dito è perfetto per aiutare il bambino a prendere confidenza molto presto con questo strumento. Inoltre, è efficace nella pulizia, garantendo l’igiene dei dentini da latte e il massaggio delle gengive e della lingua.

Leggi anche: Come scegliere lo spazzolino d denti per adulti

Bambino con spazzolino e dentifricio

Il primo spazzolino, meglio elettrico o manuale? 

Vale la pena acquistare uno spazzolino elettrico per bambini? È adatto? O è meglio quello manuale? Sono domande che molti genitori si pongono. Prima di rispondere, però, è bene fare una precisazione: le caratteristiche sulla base delle quali effettuare la scelta, elencate fino ad ora, restano valide, sia per quello elettrico che per quello manuale. Quindi bisogna comunque optare per uno spazzolino che piaccia al proprio figlio e che abbia testina piccola, setole morbide e impugnatura comoda.

Leggi anche: Come scegliere lo spazzolino da denti elettrico per adulti

Veniamo ora al punto di “scontro”. Elettrico o manuale? In realtà la differenza non è poi così rilevante. La comodità dello spazzolino elettrico, tanto per gli adulti che per i bambini, è che richiede uno sforzo minore per imparare i giusti movimenti che consentono di pulire al meglio i denti. Di contro, può risultare un po’ troppo aggressivo, soprattutto se si esercita troppa pressione.

Viceversa, lo spazzolino manuale è più delicato ma bisogna saperlo muovere bene, altrimenti risulta poco efficace.

Quindi in conclusione: sì allo spazzolino elettrico per bambini (con le caratteristiche di cui sopra), ma è opportuno insegnare ai propri figli, fin da piccoli, ad usare bene quello manuale.

Il Dentista dei Bambini