Dietro la professionalità degli studi Puzzilli c’è una lunga storia, che inizia ad Ostia e finisce in tutto il mondo. Una storia fatta di famiglia e di tradizioni, ma soprattutto di studio, ricerca, sperimentazione, capacità di innovazione e passione per le tecnologie.

Dentisti ad Ostia, da tre generazioni

Oggi il Dottor Emanuele Puzzili è attivo su due studi, a Roma e a Milano, affiancato da staff di altissima qualità. La sua storia professionale, però, è iniziata nella capitale. Anzi, per essere ancora più precisi, ad Ostia, il quartiere di Roma che si affaccia sul mare. Ed è proprio lo studio di Ostia che, ancora oggi, il dentista dei vip considera il suo quartier generale.

Una scelta che è figlia della volontà di rispettare una tradizione di famiglia, inaugurata dal nonno, primo dentista della dinastia Puzzilli, e proseguita prima dal padre e poi da lui stesso. Ostia, quindi, rappresenta il rapporto forte e saldo con le radici, con la memoria. Un punto di riferimento a cui non ha mai rinunciato, pur avendo ricevuto tante offerte per lavorare in quartieri di Roma molto prestigiosi.

Non fermarsi mai

Rispettare il passato, però, non significa rimanerne prigionieri in maniera nostalgica. È fondamentale continuare a guardare avanti, imparare, innovare, sperimentare, soprattutto in una professione in continuo mutamento come quella dell’odontoiatra.

Il segreto del successo del “Metodo Puzzilli” è proprio qui, nella continua fame di innovazione. Una traiettoria sempre in crescita, fatta di studio “matto e disperatissimo”, di viaggi, di incontri e di ricerca. Un costante movimento, perché restare fermi significherebbe offrire un servizio via via peggiore ai propri pazienti, sempre più vecchio e inadeguato. Un’impostazione mentale che da grandi soddisfazioni ma che costa anche molto sacrificio.

Gli Studi Puzzilli, invece, sono sempre al passo con le novità tecnologiche del settore e fanno ampio ricorso al digitale, sia nella fase di diagnosi che in quella di cura, per garantire una terapia di altissimo livello. È il caso, ad esempio, degli interventi con il laser odontoiatrico o dell’uso dello scanner digitale per progettare e monitorare i lavori. Perché prendersi cura di un sorriso è una cosa seria.