Diastema, come correggere lo spazio tra i denti

Hai denti troppo distanti tra di loro e non ti piacciono? È un problema piuttosto comune e si chiama diastema. Per risolverlo si può ricorrere all’ortodonzia (anche con apparecchio per denti invisibile) o all’applicazione di faccette dentali. Ma c’è anche chi scegli di tenersi questo piccolo difetto del sorriso e farne un cavallo di battaglia.

Bambino sorridente con diastema

Cos’è il diastema 

Due denti separati da uno spazio innaturale ed eccessivo. Questa è la definizione corretta e precisa di diastema. Un difetto del sorriso più diffuso di quanto si pensi. A chi non è mai capitato di conoscere una persona con gli incisivi troppo distanti? Anche molte star sfoggiano tranquillamente questo “neo”.

Il diastema, infatti, è essenzialmente un problema estetico. Solo in condizioni particolari può trasformarsi in una vera patologia. È il caso, ad esempio, dei bambini. In tenera età, infatti, la presenza di troppo spazio tra i denti può generare difetti nella pronuncia delle parole. Da adulti, una delle conseguenze del diastema può essere una sollecitazione eccessiva delle gengive, con rischio di gengivite.

Le cause di un eccessivo spazio tra i denti 

Ma da cosa è causato il diastema? Il motivo principale è legato ad un rapporto squilibrato tra grandezza dei denti e lunghezza della mascella. Denti troppo piccoli su una mascella assai lunga finiscono per essere molto distanti l’uno dall’altro. Il problema esattamente opposto a quello dell’affollamento dentale.

In altri casi è un frenulo gengivale (il lembo che collega labbra e gengive) ad essere troppo lungo e proteso verso il basso, così da distanziare i denti.

Altre possibili cause, infine, sono le cisti dentali o alcune brutte abitudini che si hanno da bambini, come quella di succhiarsi il pollice.

Il diastema delle star 

Come detto, molte star hanno incisivi separati e li portano con stile (foto). Qualche nome di vip con diastema? Il sorriso più noto è senza dubbio quello di Madonna. Ma la regina del pop americana è in buona compagnia: Brigitte Bardot, Eddie Murphy, Arnol Shwarzenegger, Ronaldo, Elton John e molti altri. E tra gli italiani, spiccano i nomi di Ornella Muti e Laura Pausini.

Come eliminare lo spazio tra i denti 

Per sistemare il diastema e far sparire lo spazio tra i denti, ci sono diverse soluzioni, tutte legate all’odontoiatria estetica. Il rimedio più comune, soprattutto quando si interviene su bocche giovani e ancora in formazione, è l’ortodonzia. Molto efficace è anche il ricorso alle faccette dentali estetiche. Infine, è possibile ricorrere anche a interventi più drastici, come le corone (soprattutto se i denti sono malati) o gli impianti.

apparecchio trasparente per diastema

Correggere il diastema con l’apparecchio 

L’ortodonzia può essere un rimedio efficace contro denti troppo distanti. Molto applicata con i ragazzi, che hanno dentature ancora in fase di sviluppo, può però essere utilizzata anche con gli adulti. Le tecniche, ovviamente, sono diverse e dipendono dalla situazione della bocca del paziente. In alcuni casi si rende necessario un apparecchio fisso, in altri è sufficiente quello mobile per riacquistare un sorriso perfetto. È molto diffuso anche l’uso di Invisalign, l’apparecchio per denti trasparente.

Scopri di più su Invisalign

Correggere il diastema con le faccette in ceramica

Un altro metodo di correzione del diastema molto incisivo e sempre più diffuso è quello che prevede l’applicazione delle faccette estetiche, solitamente in ceramica. Il dente viene ricoperto esternamente da una placchetta che ne modifica forma e grandezza, rispettandone in pieno il colore. Il risultato è assolutamente naturale e invisibile.

Tutto quello che vuoi sapere sulle faccette estetiche

Capsule e impianti, i rimedi più drastici 

In chiusura, vale la pena menzionare altri due possibili metodi di correzione del diastema, meno usati perché molto invasivi: la corona (capsula) e l’impianto. La prima soluzione, limitata ai casi in cui ci siano carie o altre patologie, prevede l’otturazione (o la devitalizzazione) del dente e suo successivo incapsulamento. Negli impianti, invece, il dente viene radicalmente rimosso e sostituito con una protesi.