Ascesso dentale, un’infezione da non trascurare

L’ascesso ai denti, oltre che essere molto doloroso è anche parecchio pericoloso. Un’infezione che può facilmente degenerare in complicanze gravi, se non curata con antidolorifici e antibiotici. Fondamentale è rivolgersi ad un dentista in tempi rapidi e per riuscirci è necessario saper riconoscere cause e sintomi degli ascessi.

Cos’è l’ascesso dentale: definizione, sintomi e cause

L’ascesso dentale è un’infezione particolare che colpisce l’apparato orale e solitamente ha un’origine batterica. Quando si verifica un ascesso, il pus (un agglomerato di batteri, globuli bianchi, plasma e detriti cellulari) invade i tessuti che circondano il dente, cioè la gengiva, l’osso mandibolare e la polpa dentale. 

Esistono tre tipi di ascesso ai denti:

  • Ascesso gengivale: è la forma meno fastidiosa e dolorosa, perché colpisce la sola gengiva, spesso come conseguenza secondaria di un ascesso apicale;
  • Ascesso parondontale: ad essere infetto, in questo caso, è l’intero parodonto (gengiva, osso alveolare, cemento radicolare e legamenti);
  • Ascesso periapicale: colpisce la polpa del dente, generalmente a causa della degenerazione di una carie.

La natura e le caratteristiche dell’ascesso dentale rendono evidente una riflessione: si tratta di una patologia molto seria, che non va assolutamente trascurata o presa sottogamba. Se si sospetta di avere un ascesso ai denti è importante rivolgersi subito al proprio dentista di fiducia per iniziare la cura più adatta (generalmente a base di antibiotici). 

Temporeggiare significa lasciare all’infezione il tempo di agire e aggravarsi. Le conseguenze e le complicanze possono essere davvero importanti. Ad esempio, l’ascesso può continuare a crescere, aumentando il pus, fino a generare una fistola o una ciste o addirittura ad invade, con il suo potere infettivo, zone del corpo vicine. Quando poi l’ascesso si abbina a patologie gravi (diabete, immunodepressione, cancro), i rischi si fanno ancora peggiori: osteomielite, trombosi del seno cavernoso e setticemia. 

I sintomi

Vista la serietà dell’ascesso, è bene conoscerne i sintomi per tenerlo sotto controllo ma anche per evitare inutili allarmismi. Anche perché non tutti i mal di denti segnalano la presenza di un’infezione di questo tipo, anzi spesso sono conseguenza di patologie molto meno gravi. 

I principali sintomi dell’ascesso dentale sono:

  • Gonfiore localizzato (con possibile fuoriuscita di pus);
  • Dolore pulsante (come se all’interno del rigonfiamento ci fosse qualcosa che “batte”);
  • Alitosi e cattivo sapore in bocca;
  • Sensibilità dentale (sia alla pressione che alle variazioni caldo/freddo);
  • Infiammazione e arrossamento delle gengive;
  • Febbre;
  • Mal di testa.

Dente cariato con ascesso

Le cause e i fattori di rischio

La domanda che più spesso un dentista si sente rivolgere riguarda il perché viene l’ascesso dentale. Le cause, in realtà, possono essere diverse, ma tutte hanno a che fare con la presenza eccessiva di batteri nel cavo orale. Tra le più comuni ci sono:

  • Carie degenerate;
  • Lesioni ai denti (spezzati o scheggiati);
  • Lesioni alle gengive;
  • Malattia parodontale.

Esistono poi dei fattori di rischio che amplificano i rischi collegati a queste cause. Quelli a cui prestare maggiore attenzione sono:

  • Scarsa igiene orale;
  • Eccessivo consumo di alcol;
  • Eccessivo consumo di sostanze zuccherate;
  • Fumo;
  • Debolezza del sistema immunitario connessa;
  • Interventi chirurgici ai denti non perfettamente riusciti (può capitare, ad esempio, che un ascesso si verifichi dopo un impianto o dopo l’estrazione del dente del giudizio).

Le carie dentali | Approfondimento

Come curare un ascesso al dente

Chi lo ha provato lo sa, l’ascesso dentale è davvero molto doloroso, oltre che pericoloso. Per questo motivo, una prima fase di cura si focalizza proprio sull’eliminazione di questa sofferenza. E l’effetto si ottiene utilizzando prevalentemente antidolorifici come l’ibuprofene o il paracetamolo, anche se esistono altre valide opzioni. In questa fase, può essere utile anche adottare alcuni piccoli accorgimenti, come usare uno spazzolino a setole morbide ed evitare il consumo di cibi troppo caldi o troppo freddi. 

La vera cura, però, punto a eliminare l’infiammazione. Per riuscirci, di solito, è necessario intervenire con una terapia a base di antibiotici (amoxicilina, claritromicina, clindarnicina, ecc.)

È sufficiente? Nella maggior parte dei casi sì, ma purtroppo non sempre. Quando l’ascesso è particolarmente grave è stato trascurato, infatti, l’antibiotico può non bastare. In questi casi bisogna passare a procedure chirurgiche: drenaggio, devitalizzazione oppure la più drastica estrazione del dente interessato.

Come lavare bene i denti

I rimedi della nonna? Meglio evitare

Come già detto, l’iter di cura di un ascesso dentale deve essere attentamente seguito da uno specialista. Quello che si deve evitare assolutamente, poi, è il ricorso ai cosiddetti rimedi della nonna, sempre molto diffusi quando si parla di patologie dentali.

In alcuni casi questi “trattamenti” frutto della saggezza popolare si rivelano dei semplici palliativi per il dolore, come nel caso degli sciacqui con acqua e salvia. In altri casi, invece, sono molto pericolosi. Ad esempio, c’è chi tenta di sgonfiare l’ascesso “bucandolo” con un ago, per fare uscire il pus. Così facendo, si rischia di innescare la diffusione a macchia d’olio dell’infezione e il suo aggravamento. Ecco perché comportamenti del genere vanno evitati nella maniera più assoluta.